Intervista agli Zenith

17142425_1866730096937822_219852942_o

1) Componenti ed età?
Ciao, siamo gli Zenith, un quartetto milanese che fa alternative rock britannico.
Nicolò, detto Nick, 24 (basso, seconda voce, tastiere), Dario, detto Zeli, 22 (batteria, testi), Luciano, detto Lucio, 21 (voce, seconda chitarra, tastiere), Emanuele, detto Ema, 21 (Chitarra principale, testi)
2) Suonavate già singolarmente?
Gli Zenith in realtà nascono nel 2010 come cover band, dove già suonavano Dario e Luciano. Con gli anni si è trovata nel 2016 la formazione stabile e funzionante con Ema e Nico per iniziare a fare musica propria.
3) Dove vi siete incontrati?
Lunga storia, ma per farla breve Emanuele e Dario andavano alle medie insieme. Luciano e Nicolò erano amici di quartiere, infine Dario e Luciano hanno fatto le stesse superiori e da cosa nasce cosa.
4) Qual è il vostro genere? Ne avete uno in particolare che preferite, oppure vi lasciate guidare dalle sensazioni mentre suonate e vedete cosa ne viene fuori?
Facendo musica noi non vorremmo restare fedeli o ancorati ad un unico genere, ci piace spaziare un po’. Anche perché Nicolò e Luciano hanno forti influenze di musica classica dato che hanno studiato pianoforte per molti anni (particolare che si può notare in diverse canzoni).
5) Vi ispirate oppure vi ispiravate a qualcuno? Quali sono le vostre influenze musicali?
Detto ciò le principali influenze sono le alternative/indie rock degli anni 2000 Muse, Arctic Monkeys & Co e le band storiche del passato che hanno fatto la storia del rock con forte ispirazione da parte di Luciano ai riff di Tom Morello.
6) Come vi siete fatti o sperate di farvi notare?
Ovviamente tramite il nostro stile musicale ricercato, i nostri testi e la tenacia con cui affrontiamo i live.
7) Chi scrive i testi? Cosa riguardano? A cosa si ispirano?
Per quanto riguarda i testi collaboriamo tutti, anche se ad oggi la maggior parte li ha scritti Dario. Come dice Matt Bellamy: “i testi servono a trasmettere emozioni là dove la musica non riesce” ma non per questo vorremo avere testi banali. Ci si ispira soprattutto ai testi di Alex Turner e Francesco Bianconi.
8) Vorreste collaborare con qualcuno? Avete dei sogni?
Beh, dato il genere che facciamo e gli artisti che preferiamo, il nostro sogno è andare in Inghilterra per suonare ad un grande festival come il Reading o il Glastonbury. Sarebbe davvero fantastico.
9) A cosa pensate quando suonate?
Quando si suona la mente è libera, si pensa solo a divertirsi con la musica e a trasmettere emozioni a chi ci ascolta.
10) Avete mai avuto la sensazione che suonare vi impedisse di fare qualcos’altro, o che vi portasse via troppo tempo?
NO! Semmai è il resto che porta via tempo alla musica. Per noi è di massima importanza la nostra musica, ogni altro hobby è di secondaria importanza.
11) Oltre a suonare cosa fate? Quali sono i vostri progetti personali?
Essendo giovani, abbiamo molte ambizioni e tante mete da raggiungere, però ora come progetto massimo abbiamo gli Zenith e su questo investiamo tutte le nostre energie.
12) Avete mai preso in considerazione di provarci all’estero?
Siamo convinti che l’Italia sia un terreno fertile per il tipo di musica che stiamo provando a fare, quindi continueremo a provarci qui, nel nostro Bel Paese.

I commenti sono chiusi