Intervista ai Timboscica

17141800_10210699413234755_2011494475_n
Come vi siete avvicinati alla musica?
Da quanti componenti è formato il gruppo e come vi siete conosciuti?
Come definireste la vostra musica e qual’è lo stile?
Da dove avete preso spunto per il nome della band?Cosa ne pensate dei talent show?
Quali sono i locali in italia dove vi piacerebbe suonare, e quali quelli nel vostro paese di origine?
Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico?
Di cosa ci sarebbe bisogno in Italia a livello musicale?
Quali sono i vostri progetti futuri?
 
La band è formata da 4 elementi: Mario Giglio alla batteria, Giuseppe De Pasquale(chitarra e cori), Gianluca Saporita(basso) e Davide Puglisi(voce e chitarra). Ci conosciamo da una vita e prima di suonare insieme nei Timboscica, fin da ragazzini avevamo avuto altre esperienze musicali insieme, sia in cover band ma anche in altri gruppi con cui facevamo sempre brani nostri.Pensa che io(Davide) conobbi Peppe in un negozio di strumenti musicali e sentendolo suonare dissi:”da chi cazzo viene questo suono e stile pazzesco”?…da li’ in poi abbiamo suonato sempre insieme. La nostra musica è un insieme di tante influenze che vanno dal post-rock all’alternative rock, al prog rock al psychedelic rock. Non vogliamo definirla, anchè perchè avere un limite, non ci permetterebbe di sperimentare di volta in volta nuove sonorità. Timboscica in realtà è un modo di dire tutto siciliano; indica una sfuriata di schiaffi che ti s/travolge e ti gonfia;appena ti sei ripreso non sai piu chi sei o cosa è successo e forse non lo saprai mai più(risata).Ed è questo che facciamo con la nostra musica: picchiamo l’ascoltatore! Mmmmmmmm…..beh, una triste realtà, ma che purtroppo sposa il periodo musicale tristissimo che viviamo; la gente ha più interesse alla vita privata di sconosciuti che presto diventano idoli, che suonano su palchi enormi senza aver mai fatto un concerto nemmeno nel proprio paesello. Beh, ci piacerebbe suonare tanto al circolo degli Artisti, all’ Alcatraz e in tanti altri posti. In realtà da settembre a dicembre abbiamo fatto un bel pò di date in giro per lo stivale, Campania, Puglia, Lombardia, Lazio,Abruzzo,Calabria, Sicilia ecc. Ci siamo divertiti veramente tanto, è sempre bellissimo suonare in posti nuovi, di fronte a nuova gente.Abbiamo stretto tanti rapporti di amicizia, alcuni sono diventati nostri fans e molti altri speriamo lo diventino! In Italia ci sarebbe bisogno di un risanamento culturale: si dovrebbero spegnere le tv, si dovrebbe andare in giro nei locali per ascoltare tanta musica live; bisogna tornare ad essere curiosi, guardare e sentire ciò che ci circonda, togliendo possibilmente gli occhi da uno schermo. Stiamo lavorando a nuove cose,nuovi suoni, nuove canzoni; da questa primavera pensiamo di iniziare nuovamente un piccolo tour nei vari locali italiani; abbiamo tanta voglia di conoscere nuova gente e di portare la nostra musica anche nei più piccoli paesi.

I commenti sono chiusi