Anthrax: Scott Ian, “La musica in streaming mi piace, ma frega noi artisti”


NEWS

Da metalitalia.com

In una recente intervista a From Hero To Zero, il chitarrista degli ANTHRAX Scott Ian ha esternato la sua opinione riguardo a servizi come Spotify, Pandora e iTunes.

“Di base, c’è stata una concreta svalutazione della musica. Nella testa delle persone, la musica non ha più lo stesso valore che aveva dieci o venti anni fa (…).
Il prodotto musicale non ha più valore, di questi tempi. Gli album non potrebbero costare di meno. Puoi comprare un nuovo disco, per esempio su iTunes, per dieci dollari. Fino a non molto tempo fa, dovevi andare – che ne so – ad un Virgin Megastore, che c’era dappertutto. Negli Stati Uniti, un CD ti sarebbe costato almeno diciassette dollari, senza contare la benzina per andare al negozio in macchina e, magari, anche i soldi per il parcheggio. Adesso puoi startene seduto a casa e pagarne dieci.  [Acquistare musica] non è mai stato così economico e le persone ne fanno ancora un problema, a quanto pare, perché preferiscono rubarla o ascoltarla in streaming.
Ora, io capisco lo streaming: è una comodità di oggi, è il futuro per quanto riguarda il modo in cui le persone avranno accesso alla musica e non è un problema per me. Sono stato uno tra i primi a comprare un iPod (…).Lo streaming mi piace, perché mi fa conoscere musica che forse non avrei mai sentito e andare a comprare dischi.
Ma mi sento davvero come se le band stessero venendo fregate da questi servizi. Se Spotify pagasse di più i gruppi per l’arte che creano, penso che le persone, in generale, avrebbero una visione migliore della musica e penserebbero che vale di più. La musica dovrebbe valere qualcosa. Vale qualcosa. Noi creiamo arte, e questo business ha completamente svalutato ciò che facciamo. E, ovviamente, penso che questo sia una cazzata. (…)
Penso che il modello dello streaming sia una figata. Ma spero che lo si possa cambiare in modo che le band ne traggano di più. Mettiamola così: che abbiano un trattamento più equo. Perché mi piace l’idea dello streaming, ma credo che il business che ci gira attorno abbia bisogno di una raddrizzata.”

Per quanto riguarda l’importanza dell’attività live, Ian ha commentato:

“Il tour è sempre stato la nostra vita, fin dall’inizio. È così che abbiamo portato la nostra musica alle persone ed è così che continuiamo a farlo: andiamo là fuori e suoniamo ottimi concerti.
[L’attività live] è qualcosa che possiamo controllare. Ci sono solo poche cose che possiamo controllare, come band: le canzoni che scriviamo, i dischi che facciamo e i concerti che suoniamo. Tutto il resto è fuori dal nostro controllo. Quindi, essere una grande band live è qualcosa su cui ci siamo sempre concentrati, fin dal primo giorno. Perché vogliamo che le persone vengano a sentirci, restino colpite e vogliano vederci ancora. Se non hanno il disco, vogliamo che desiderino tornare a casa e comprarlo non appena il concerto è finito. Sono sicuro che un sacco di persone che ci hanno visto l’altra sera a Parigi probabilmente sono tornate a casa e in qualche modo hanno rubato il disco on line: ma almeno adesso sono dei nostri fan, e forse torneranno a vederci la prossima volta che suoneremo. È il nostro lavoro. Sono d’accordo con questa scuola di pensiero. È il nostro lavoro essere un grande gruppo live, lo è stato fin dall’inizio.”

anthrax - scott ian live club trezzo - 2014


Personalizza la tua Tshirt
t-shirtpersonalizzabili.itT-shirts-personalizzabili-it2

I commenti sono chiusi